We Will Design torna a BASE dal 15 al 21 aprile 2024

di BASE Milano

BASE apre le porte nella settimana del design milanese alla costruzione di una comunità temporanea che vivrà e lavorerà all’interno del complesso dell’ex Ansaldo, trasformato per l’occasione in un “laboratorio di convivialismo”. L’obiettivo è esplorare come progettist, architett e cittadin abbiano la capacità di creare nuove forme di relazioni interdipendenti, a partire da comportamenti, gesti, sentimenti e spazialità quotidiani.


We Will Design 2024 sarà un invito a riflettere sulle più innovative pratiche internazionali di convivenza, coabitazione e di condivisione e la loro interrelazione con gli ambiti relativi a migrazione, genere, abilità, salute e background culturale. Cercherà inoltre di immaginare nuove modalità di convivenza e interdipendenza basate su principi come la cooperazione, la democrazia, il dialogo tra culture, la dignità paritaria e la responsabilità ecologica.

Mentre le città producono costruzioni futuristiche ed elitarie, sopravvivono visioni utopiche della domesticità e proliferano soluzioni autonome e insediamenti informali, in cui abitare diventa un gesto di resistenza e di affermazione della dignità umana, BASE Milano propone di iniziare ad abitare pensieri e progetti e non solo più spazi e oggetti.

Abitiamo il futuro, abitiamo il turbamento, abitiamo mondi che ancora non esistono, corpi che sono organismi collettivi.

Erica Petrillo_Curator in Residence

CASE: il Public Program

GENNAIO — MARZO 2024

La complessa questione dell’abitare al centro di We Will Design 2024 sarà affrontata da diverse prospettive all’interno di CASE, il Public Program che BASE Milano dedica ai temi della coesistenza e della coabitazione da gennaio a marzo 2024: un percorso in tre appuntamenti con cadenza mensile, a cura di Erica Petrillo, curatrice con una formazione in scienze sociali e filosofia politica.

La scintilla che ha dato il via alla nascita di CASE è stata innescata dall’onda di dissenso che ha investito Milano in risposta al problema del caro affitti e che ha trovato la sua manifestazione più lampante nella primavera del 2023 con la “protesta delle tende” in Piazza Leonardo, di fronte al Politecnico di Milano. Ma il fenomeno ha radici profonde, che hanno a che fare con un più ampio malessere planetario che riguarda la vera e propria possibilità di coesistenza in un contesto complesso, iper globalizzato, in cui svariate crisi politiche, ambientali e sociali ci hanno lasciati in un limbo precario, senza certezze né appigli.

Come è possibile, allora, costruire delle nuove basi per una coesistenza (planetaria e locale) fondata sulla convivialità, intesa come bisogno collettivo basato sul mutualismo, la cura reciproca e la solidarietà? A quali strategie spaziali possiamo guardare per testare nuove forme di coabitazione civica e modalità di esistenza alternative? CASE non affronta il tema dell’emergenza abitativa in maniera diretta, lo fa in modo trasversale, guardando a realtà tra loro molto diverse che attraverso pratiche spaziali sperimentali, esperienze di pedagogia alternativa, modalità di attivismo politico artistico sperimentano modalità alternative di mutualismo e solidarietà.

Mercoledì 31 gennaio la ricercatrice e attivista turca Pelin Tan presenterà i suoi studi dedicati alle infrastrutture di coabitazione temporanea, come campi per rifugiati o per comunità colpite da sismi, considerate come luoghi in cui si sperimentano pratiche virtuose di commons.
Mercoledì 28 febbraio Rosario Talevi, membro del centro di pedagogie ed ecologie alternative Floating di Berlino, dialogherà con Berta Gutierres e Alkistis Thomidou del collettivo forty five degrees, impegnato a individuare casi studio che testimonino l’esistenza di comunità alternative lungo il 45º parallelo Nord in Europa.
Venerdì 15 marzo, infine, sarà la volta di un workshop di costruzione guidato dall’architetta e ricercatrice Francesca Gotti, esperta in pratiche di autoproduzione spaziale e gestione condivisa. CASE si propone di creare occasioni di confronto critico e di dialogo rispetto a questi temi, tanto urgenti quanto trasversali rispetto a classe e geografia di appartenenza, generando così una conversazione polifonica che sfocerà nel programma della Design Week 2024.

Installazione: TALAMO

MIART 2024

Se con We Will Design 2024 BASE Milano si offrirà come bacino per la costruzione di una comunità temporanea che vivrà e lavorerà insieme, ragionando su nuove forme di relazione, sarà TALAMO – la scultura performativa del duo di architetti italiani residenti a Londra Lemonot (Sabrina Morreale e Lorenzo Perri) in collaborazione con Xavier Madden e Katja Banović a introdurre il pubblico a queste tematiche già in occasione di miart Fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea. In questo contesto, TALAMO sarà un’architettura conviviale: un letto immenso e al contempo leggero, in una sospensione dinamica tra pavimento e soffitto. Un paesaggio morbido e fluido disegnato dalla gravità e dai corpi, che ne creeranno la topografia. Un palcoscenico irrequieto che darà vita, dapprima con i performers arisandmartha (Aris Papadopoulos e Martha Pasakopoulou) e poi coinvolgendo il pubblico, a coreografie e configurazioni fantastiche in cui si lima il confine tra materia e corpo umano.

TALAMO userà, dunque, pratiche performative per reinventare le forme di teatralità spontanea nascoste nel quotidiano, rituali ordinari che diventano eccezionali. Nel suo continuo farsi e disfarsi, TALAMO sarà un oggetto vivo, capace di accogliere la fisicità di ognuno, collocandola in una dimensione di rinnovato confronto collettivo.


TALAMO è un progetto supportato da Culture Moves Europe finanziato dall’Unione Europea, implementato dal Goethe Institut e realizzato in partnership con Noctis spa, azienda italiana con grande tradizione artigiana, specializzata nel bedding.


CULTURE MOVES EUROPE

Culture Moves Europe è il programma promosso dall’Unione Europea che fornisce borse di mobilità per artist e professionist della cultura in tutti i 40 paesi dell’Europa creativa. Copre i settori dell’architettura, dei beni culturali, del design e della moda, della letteratura, della musica, delle arti dello spettacolo e delle arti visive. È implementato da Goethe Institut, che qualifica, consiglia e mette in rete l professionist della creatività e sostiene lo sviluppo di strutture sostenibili nelle industrie culturali e creative. Con programmi di residenza, cooperazioni e coproduzioni promuove il networking globale dell operator culturali. A chi opera nella società civile offre spazi liberi e protetti nei quali si possa svolgere un aperto scambio di opinioni, senza abbandonare neanche in tempi di crisi un dialogo all’insegna della democrazia.


NOCTIS SPA

Noctis è partner di We Will Design 2024 e supporta la realizzazione di TALAMO.
Noctis Spa è un’azienda specializzata nel bedding situata nel cuore dell’Italia, nel cuore delle Marche. L’Azienda vanta una grande tradizione artigiana che da anni accresce, grazie a tecnologie all’avanguardia, continuando a ideare sistemi di realizzazione innovativi e prodotti brevettati. I suoi letti sono da sempre espressione di una cultura che si nutre del mondo, dei suoi colori, delle forme e delle sue suggestioni, e le traduce in oggetti belli, confortevoli, funzionali ed accessibili a tutt. La cura e la grande passione per i dettagli e la qualità Made in Italy fanno dei prodotti Noctis un eccellente esempio di un sapere artigianale applicato all’industrial design, capace di coniugare armoniosamente aspetti tecnologici, estetici ed emozionali.



We Will Design è un progetto di BASE Milano

PARTNER ISTITUZIONALI

Culture Moves Europe (UE)

PARTNERS
Noctis

TECHNICAL PARTNERS
Veryseri Lab

è una cosa seria?

iscriviti alla newsletter di BASE: troverai tutte le novità su ciò che facciamo, ciò che ci piace e dove vogliamo stare.